La bellezza dei luoghi, i poteri delle terme e il benessere del corpo, in piena estate, trovano la loro sintesi ideale nel Parco Termale Aphrodite-Apollon, sulla costa meridionale dell’isola.

Un grande giardino caratterizzato da 12 piscine di acqua termale che proviene da uno dei bacini più importanti e salutari, quello della zona di Sant’Angelo-Maronti. Si tratta di acque che non vengono trattate con prodotti chimici, rinnovate ogni giorno ed estratte a temperature e profondità diverse attraverso un sistema di pozzi che ne garantisce la purezza. Il bacino termale da cui il Miramare Sea Resort and Spa attinge è infatti formato dalle sorgenti antichissime di Cava Scura, caratterizzate dalle grotte scavate nel tufo in cui è possibile rilassarsi nelle saune naturali.

L’acqua limpida, salmastra, sgorga a 76 gradi ed è comune all’altra sorgente, detta di Cava Grado Fumarole; e in alcuni punti si arriva a 100 gradi. È solo l’inizio di un percorso rigenerante. Il centro benessere all’interno del parco è infatti il rifugio ideale per chi vuole rilassarsi e dimenticare la quotidianità, grazie all’aiuto di un pool di professionisti delle cure, dei massaggi e dell’accoglienza.

L’ingresso in questo tempio equivale a rinascere. Il soffione sulla soglia avvisa che una volta varcata si entra in un mondo parallelo, irreale e fantastico. Il suo vapore sale, si ferma per poi tornare vigoroso più alto e vivo, dà il benvenuto al centro termale, il luogo dove il respiro caldo del vulcano viene trasformato in sollievo. Il fango naturale modellato con l’acqua termale si combina con la natura selvaggia dei luoghi. In un atmosfera speciale ci si può dedicare anche all’esercizio fisico.

Il centro fitness è il luogo ideale per tonificare il proprio corpo seguendo percorsi studiati dai fisioterapisti, tra riabilitazione e risveglio muscolare. Piacere e fatica si fondono per raggiungere una nuova forma e in breve tempo. Per chi ama le escursioni in ambienti naturali il Nemo Point (a breve distanza dal Resort) svolge esplorazioni in snorkeling, per ammirare da vicino il mondo meraviglioso della costa sud dell’isola con la sue praterie di Posidonia oceanica, scogli e anfratti che sono la cornice naturale a un paradiso subacqueo ricco e spettacolare.

Escursioni in trekking invece aspettano coloro che desiderano visitare i sentieri carichi di storia, tradizioni e flora mediterranea. Ma c’è di più: il campo in erba sintetica a strapiombo sulla spiaggia privata del Resort, ideale per appassionanti sfide a tennis e match di minisoccer. Respirando l’aria profumata di mare che arriva dalla baia dei Maronti, stando attenti a non farsi distrarre dal labile confine tra cielo e mare o dalla presenza di Capri e della Penisola Sorrentina sullo sfondo, nascono le sfide tra amici, in un mix di gioia e impegno fisico. E poi? Ancora relax. Ad esempio sullo scoglio del Miramare: una piattaforma ricavata nella roccia vulcanica che caratterizza la costa di Sant’Angelo. Di fronte ci sono la spiaggia dei Maronti e Capri… Essere fuori dal mondo, è un passo.

di Graziano Petrucci