C'è un luogo quasi segreto, lungo la costa settentrionale dell’isola d’Ischia. Incastonato tra le rocce e la macchia mediterranea, c’è un piccolo parco un po’ nascosto, un regno di armonia e pace, un luogo di bellezza che conquista. In apparenza è un po’ difficile da trovare, quasi per un gioco di ritrosia: non vuole lasciarsi scoprire? Chissà.

Noi ci siamo riusciti, e ne abbiamo subito colto l’originalità, così a pelle. Per istinto siamo stati catturati dal fascino dei luoghi. O’ Vagnitiello è un parco idroterapico che, di fatto, è un po’ come la porta sul mare di Casamicciola, e deve la sua fortunaalle benefiche acque sorgive della zona, le cui origini si perdono nella notte dei tempi. Non a caso esse sono legate ad una leggenda, che narra di Acmenio, un antico abitante di Ischia che fu trasformato dal dio Giove in sorgente per aver invocato l’aiuto degli dei dopo essere caduto in un torrente. Giove gli conferì cosi il potere di alleviare e risanare con le proprie acque tutti i morbi dei bisognosi e in particolare i sofferenti di mal d’orecchio, poiché proprio qui nessuno, ha udito la richiesta di soccorso del giovane Acmenio.

Anche il Papa Innocenzo III nel 1691 si giovò delle proprietà terapeutiche delle acque del Vagnitiello, dopo una grave caduta.
Il parco complessivamente consta di 5 vasche di cui una per bambini e tutte a diversa temperatura, una sauna naturale e una Jacuzzi coperta. Sono posizionate su gradoni che poco alla volta, con dolcezza, arrivano al bagnasciuga, e sono circondate da una natura lussureggiante.

E se le piscine non vi bastano potrete sempre tuffarvi in mare, accessibile grazie ad una comoda scaletta. E da qui, senza neanche bagnarvi, volendo, potrete scorgere tra gli scogli gli anemoni, le alghe e qualche impertinente granchietto.

Al parco si può accedere ovviamente dal mare, grazie ad una piccola imbarcazione di servizio che vi preleverà direttamente dal punto del vostro ancoraggio. In quest’oasi di pace, poiché il benessere è connesso anche a ciò che mangiamo, non poteva certo mancare uno spazio riservato agli amanti della cucina e del buon cibo. Infatti il ristorante è un appuntamento a cui è impossibile sfuggire, in un trionfo di piatti a base di pesce, come i paccheri con cozze e zucchine e la bruschetta “del Capitano”, che è diventata un vero must. A cena è consigliabile la prenotazione. Adiacente al ristorante vi è la zona aperitivo, per consumare stuzzichini e aperitivi durante tutta la giornata.

Se poi si vuole curare la forma fisica, non manca un piccolo spazio esterno dedicato al fitness, integrato perfettamente nell’ambiente.
E per tutti quelli che non desiderano altro che restare nell’incanto del Vagnitiello anche di notte, non bisogna dimenticare che la struttura è dotata di accoglienti camere con vista mare mozzafiato.

Per i clienti, inoltre, c’è un comodo servizio navetta per la strada principale da cui si accede al parco. Per tutti in ogni caso si tratterà solo di un arrivederci, anche perché i lunghi mesi invernali trascorreranno con un pensiero fisso: quello di tornare qui al più presto, per rivivere i momenti vissuti in un autentico eden.

di Redazione Ischia